So long and thanks for all the fish

Ci siamo.

Questo è il mio ultimo giorno di lavoro. Forse non l'ultimo tra gli ultimi giorni di lavoro, perché non si sa cosa ne sarà delle nostre vite. Ma comunque è il mio primo ultimo giorno di lavoro.

Mi lascio alle spalle 16 mesi di convivenza con la gente di Uniteam, 16 mesi di stress, di sofferenze, di allegria, di svago, di apprendimento, di ..., di tutto insomma. 16 mesi di lavoro, duro o meno che sia stato. Me ne vado un po' con l'amaro in bocca, soprattutto dopo aver capito qual è la vera anima dirigenziale di Uniteam e non solo. Ho avuto un po' di attriti con il Personale, con i miei diretti superiori, domande e email cadute nel vuoto, uno strano silenzio che lascia un po' pensare, ma dopo tutto ...

Me ne vado lasciando un botto di gente simpatica, ma sapendo che 3/4 di questa gente simpatica se n'è già andata prima di me il distacco non è poi così traumatico. Non dico di aver lavorato negli ultimi tempi in mezzo ad un mare di gente (quasi) sconosciuta, ma quasi. Chiaro, non c'è più stata la pausa caffè con Roberto e Alessandro. Ma comunque ce la siamo cavata.

Da lunedì, come suggeriva argutamente Matteo, divento ufficialmente un pendolare. Con tanto di tessera dell'ATM di Milano, abbonamento a Trenitalia e all'ATM stessa. Si inizierà la stressante marcia con: mezzi di Pavia, Trenitalia, mezzi di Milano (metro), mezzi di Milano (autobus) - opzionale, per l'andata e per il ritorno, e già mi immagino lì a bestemmiare quando salteranno i collegamenti o ci saranno gli scioperi, una volta ogni due settimane ... ma che ci vuoi fare, questa è la vita!

Ci sentiamo presto, magari anche lunedì, per gli aggiornamenti. Per ora mi rimane un computer da formattare, questo.

6 thoughts on “So long and thanks for all the fish

  1. Grande titolo!! In bocca al lupo per il nuovo lavoro e soprattutto per i trasporti... E sappi che nella vita ci sarà sempre un computer da formattare. A proposito, se qualche volta passi da Venezia ci sarebbe anche il mio! ciau

  2. Donata Esposito

    In bocca al lupo Marzu.....

    il viaggio in treno è sempre un'avventura........

    un nuovo lavoro lo è ancor di più.....

    se fai la somma ... lunedì sarà come fare un viaggio nello spazio!   🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *