Il Corriere dei Saperi

"In ogni modo, spiega Valerio Mascagna, fisico, che prendendo in esame
il peso del meteoritino, ossia dieci chili, e ipotizzando un punto di
partenza della discesa di 100 metri, i dieci chili possono raggiungere
velocità prossime a 150 all'ora. Figurarsi da più in alto.
"

Tratto dall'articolo de Il Corriere.it apparso questa mattina sul sito della testata giornalistica. Ora, tralasciamo la parte iniziale dell'articolo in cui si descrive dettagliatamente la traiettoria del meteoritino ("L'altro pezzo è rimbalzato, ha superato un muro di cinta di tre metri e
mezzo, è volato in diagonale per dieci metri e ha chiuso la corsa
contro il muro della caserma
") che mi ricorda tanto un tema delle elementari di un mio vecchio amico (se volete saperne qualcosa chiedetemi pure), e soffermiamoci sulle opinioni degli esperti.

Io vorrei tanto conoscerlo questo fisico, questo tale Valerio Mascagna, evidentemente un luminare. Oppure un precursore dei tempi. Qualcuno pronto comunque a stravolgere il mondo della fisica. Il suddetto genio incompreso a quanto pare, con dei calcoli elaboratissimi, "prendendo in esame il peso del meteoritino" ha calcolato che l'oggetto potrebbe raggiungere i 150 km/h. Ora, chi ne sa di fisica sa anche che la legge oraria del moto rettilineo uniformemente accelerato vale:

s(t) = 1/2 a*t^2 + v0*t + s0

dove v0 e s0 sono la velocità e la posizione iniziali dell'oggetto, mentre a è l'accelerazione a cui è sottoposto. La velocità ha una legge più semplice:

v(t) = a*t + v0

Con dei semplici calcoli (che per semplicità non riporto) si arriva ad una legge comoda, nella forma:

v(t)^2 - v0^2 = 2*a*(s(t) - s0)

ovvero una legge che lega la differenza di velocità alla spazio percorso, se sappiamo quanto vale l'accelerazione. Nel caso in esame a = g = -9,81 m/s circa (l'accelerazione gravitazionale), v0 = 0, s0 = 100 m, da cui si ottiene, semplificando:

v(t)^2 = -2*9,81*(s(t) - 100)

Alla fine della corsa, s(t) varrà 0 (livello del suolo), quindi la velocità finale varrà (in valore assoluto):

v^2 = 2*9,81*100 (m/s)^2 = 1962 (m/s)^2  -->  v = 44,29 m/s = 159,5 km/h

Tralasciando la piccola differenza sulla velocità calcolata da noi e quella presentata nell'articolo (non stiamo considerando la forma dell'oggetto e gli inevitabili effetti dell'attrito), qualcuno di voi ha visto da qualche parte comparire il parametro peso? Da qualche parte si menziona per caso che la velocità di un oggetto sottoposto ad un'accelerazione nota dipende dalla velocità? Non direi. Così come non lo direbbe nessuno che ne sapesse di fisica.

Lo direbbe però la casalinga di Voghera, dopo aver letto questo brillante articolo! Eccola, è lei la nuova alunna di cotanto professore. Egregio Valerio Mascagna: non sei solo!

P.S. Grazie Corriere.it, per regalarci tutto questo (e anche di più) giorno per giorno ...

6 thoughts on “Il Corriere dei Saperi

  1. Anche la letterata di Cremona non può che ammirare l'impegno divulgativo di Valerio Mascagna (peccato sia un nome evidentemente di fantasia, sul modello di "Padre Spazzetta" e simili...)

    Ma da te vogliamo ancora ricette!

    • Data la mia dieta di questi giorni, la ricetta che più probabilmente potrei proporre è quella della patata bollita. Ma non so quanto potrebbe soddisfare. Al massimo potrei proporre il mio cavallo di punta: la carbonara!

      Comunque, invece di Padre Spazzetta avrei nominato un altro tizio a caso, che so, Franco Zappetta, quello dell'ostaggeria... e chi ha orecchie per intendere, buon per lui!

      • Mi sento molto in simbiosi con la casalinga di Voghera di fronte a tutti questi calcoli...... ma la notizia mi ha colpito moltissimo...... soprattutto quando ho letto che il "sassolino" ha preso di mira una focus.

        Fortuna che tra 2 settimane cambio macchina. ^_^

      • Mi sento molto in simbiosi con la casalinga di Voghera di fronte a tutti questi calcoli...... ma la notizia mi ha colpito moltissimo...... soprattutto quando ho letto che il "sassolino" ha preso di mira una focus.

        Fortuna che tra 2 settimane cambio macchina. ^_^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *