Ricettario #1: filetti di platessa

Ieri sera mentre cucinavo pensavo ad una cosa: molte delle ricette che provo o che sperimento vanno perdute, sia perche` ho una memoria lunga come lo pseudopodo di un'ameba, sia perche` me le dimentico. (C'e` differenza fra le due affermazioni, ma non la scoverete mai). Bene, pensavo anche che non sarebbe male raccontare qui qualche ricetta interessante. Cosi` mi/vi rendo un grosso servizio, no?

Oggi vi parlo dei filetti di platessa di ieri sera (porzioni per due persone).

Ingredienti:

4 filetti di platessa (diciamo 2 etti?), un po' di farina, olio, una noce di burro, mezzo bicchiere di vino bianco (o un quarto, a seconda dei gusti), il succo di mezzo limone.

Preparazione:

Passate i filetti di platessa nella farina, poi fateli dorare in padella con un filo d'olio messo precedentemente a scaldare a fuoco vivo. Salate i filetti e, quando la doratura sara` sufficiente, toglieteli dalla padella e metteteli ad asciugare su della carta assorbente.

Sperando che non si sia attaccata troppa farina alla padella (altrimenti la rimuoverete con attenzione utilizzando qualcosa che non righi la padella), utilizzate la padella per preparare il sugo con cui condire i filetti. Scaldate un po' dell'olio rimasto con la noce di burro, facendola scogliere ma senza far dorare il burro. Versate poi il succo di limone e il vino lasciando evaporare l'alcool in eccesso. Regolate il sugo di sale secondo il vostro gusto (es. Laura non ne metterebbe nemmeno un granellino). Se il sugo vi sembra troppo liquido potete cercare di renderlo piu` corposo aggiungendo della farina, o un po' di burro immerso nella farina.

Prendete un piatto da portata, disponetevi i filetti e versatevi sopra il sugo appena preparato. Divorate subito, finche` e` caldo.

Risultato:

Vi auguro che sia dei migliori. A me non e` venuto affatto male, tant'e` che avevo pensato di mettere una foto del piatto nel post. Purtroppo pero` la fame e` stata piu` forte, ha scavalcato i buoni propositi e per questa volta niente foto ...

Buon appetito!

9 thoughts on “Ricettario #1: filetti di platessa

  1. Interessante l'idea del burro immerso nella farina!...e, anche se Laura protesterà..... in un piatto così accattivante... non può mancare, per una volta, un pizzico di sale! Arrivate ad un compromesso! ... in onore della buona cucina!

  2. Grazie marzu! L'ultima volta che ho provato a fare i filetti di platessa sono riuscita a modificarli geneticamente e il sindacato delle platesse mi ha inoltrato una protesta formale. Io mi perdo già nella fase "Passate i filetti nella farina", mi vengono i dubbi, ci sono scuole diverse, la tua è più fenomenologica diciamo, mia madre ha un indirizzo più ermeneutico: per fissare la farina li passa poi per due secondi nell'acqua, ti rendi conto??! 

    • Beh, ci sono diverse scuole di pensiero anche sull'infarinatura ... se volessi ad esempio un'impanatura piu` croccante potresti pensare di passare i filetti nella farina, poi li passi in una ciotola con dell'uovo sbattuto, poi di nuovo nella farina.

      La variante farina + acqua non l'ho mai provata, e sono anche abbastanza scettico: ma non si impappa tutto? E soprattutto, la farina non cola via?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *