Wizzelmaster

Questa notte ho fatto un sogno parecchio strano che voglio condividere con voi.

Come in ogni buon sogno che si rispetti, mi ritrovo di punto in bianco in un luogo del tutto sconosciuto, a bordo di una macchina non mia su una strada che non conosco. Determinato nonostante tutto a raggiungere un luogo particolare. Quale, naturalmente, è del tutto ininfluente. Fatto sta che come è successo ieri guidato da Sberla, mi perdo, e ad occhio e croce decido che la strada giusta è quella che sto seguendo, ma arrivato all'altezza della ferrovia devo girare a destra, e poi proseguire.

Arrivato ai binari, svolto a destra: però mi ritrovo a destra una fila di case, a sinistra un muro, e solo oltre il muro i binari. Scendo dall'auto, scavalco il muro per controllare: una linea ferroviaria in disuso si protraeva tra due file di case, ricoperta di erba e con un paio di particolari interessanti. I binari infatti non avevano sempre la stessa larghezza, ma si allontanavano un po', e soprattutto sopra c'erano delle auto parcheggiate. Allora decido che comunque devo arrivare in fondo e girare a destra, per raggiungere la mia macchina. (Ma non l'avevo lasciata appena alle mie spalle?)

Camminando raggiungo un prato coltivato, vastissimo: un muro a destra, una rete a sinistra e di fronte ... non sapendo dove uscire mi avvicino alla rete di fronte, quando arriva un furgoncino guidato da un'anziana signora, che deve probabilmente rientrare a casa. Mi faccio avanti, e le apro il cancello (che non avevo ancora visto). La lascio entrare e l'accompagno chiudendo il cancello al suo passaggio. Lei mi sorride compiaciuta.

Di punto in bianco (ah, la dinamica dei sogni) mi ritrovo nella sua casetta, piccolina, calda e confortevole, in compagnia sua e di quella che potrebbe essere sua figlia. Non vi dico che secondo me lei ci stava provando con me, nel sogno, sennò Laura si arrabbia. Ora, c'è da dire che più o meno dall'inizio del sogno ero convinto di essere in una dimensione temporale strana, di essere tornato indietro nel tempo ... Compare all'improvviso quello che penso fosse il marito della ragazza lì presente, che inizia a parlare con me (o con qualcun altro, non ricordo). La ragazza mi chiede che cosa fossero i pantaloni che indossavo, e quando le dico che erano jeans, il marito mi dice che sembro un pezzente: probabilmente era un materiale che non avevano mai visto. A quel punto faccio caso al fatto che indossano solo maglioni di lana, e decido che non conoscono ancora il cotone. Chiedo all'uomo: "Conosci il cotton?", lui mi risponde di no e io gli dico di tenerlo in mente. Pensando di essere un figo, per aver rivelato il futuro, faccio un occhiolino a entrambi e sotto sotto penso se non ho creato dei casini ...

Di punto in bianco (parte seconda) ci ritroviamo su una macchina io, la ragazza (lato passeggero davanti), il marito (lato passeggero dietro), un uomo burbero (lato guidatore davanti). Io non so dove ero seduto, e non so chi guidasse. E' un sogno, tutto regolare. A parte il fatto che l'uomo burbero, e un po' anche il marito, mi guardavano di sott'occhi e con un po' di diffidenza. Camminando noto delle cose fuori posto: auto nuovissime e aggiornatissime (alla nostra epoca, intendo), costruzioni futuristiche e quant'altro. Inizia a venirmi il dubbio che ci sia qualcosa che non va. Quando faccio notare dell'auto un po' troppo moderna, il burbero mi risponde che è un'auto della polizia, e mi suggerisce di guardare avanti. Il burbero inizia a fissarmi e a parlare con il marito di un fantomatico Wizzelmaster. Io mi accorgo di un pericolo incombente, e quando la macchina rallenta bruscamente (per una coda, forse) prendo il burbero e lo scaravento contro il parabrezza, fuori dalla macchina.

Tutto eccitato continuo a pensare a cosa ci sia che non va, ma la situazione si stravolge. Ragazza e marito iniziano a incupirsi e a fissarmi ferocemente. Io inizio a urlare e vedo il volto della ragazza inarcarsi in un urlo ancora più forte, ma non sento niente. E' un sogno, può succedere. Poi, come se fossi seduto al posto del guidatore, intravedo dietro il poggiatesta il marito che ha preso le sembianze di un mostro, quasi un folletto, e mentre tutti e due si rivolgono a me chiamandomi Wizzelmaster, lui mi affera la mano e mi morde ferocemente l'anulare della mano destra. A quel punto urlo io più forte della ragazza, ma ...

... mi sveglio. E dopo un minuto suona la sveglia ed è ora di alzarsi. E ho ancora tutte le dita. E un battito cardiaco un po' accelerato.

Sono io il Wizzelmaster? E cos'è il Wizzelmaster?

One thought on “Wizzelmaster

  1. Carladonata Esposito

    Ho letto questo sogno ieri sera.........

    Stanotte ho sognato di cadere in un baratro........ e mi sono svegliata prima di scoprire se aveva una fine.. quindi sono andata a cercare sul dizionario di inglese la parola più vicina a Wizzelmaster, per evitare di addormentarmi ancora e fare brutti incontri: ho trovato wizard (mago) e poi witty (spiritoso) e mi è piaciuto pensare che Wizzelmaster possa essere il nome proprio di un maghetto spiritoso che riesce ad uscire indenne da brutti incontri e quindi tutti lo considerano un "portafortuna", pertanto, per scaramanzia oppure di fronte a qualcosa di spiacevole, invito tutti a gridare a gran voce : WIZZELMASTER! e la cosa cattiva sparirà immediatamente......

    ciaooooooooo........ ora vado a nanna tranquilla perché so che il maghetto veglia su di noi.......

    donata

     

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *