Super Luigi Galaxy

No, non mi sono sbagliato. Il titolo è più che corretto!

Il tanto discusso Super Mario Galaxy (osannato da me in questo post e bistrattato da Simone in questo post) non ha più segreti per me.

Ho scoperto tutti i nuovi power-up di Mario, che non si fermano al solo vestito da ape. C'è anche quello da fantasma, quello da molla, il più classico da lanciatore di palle di fuoco e la sua variante da uomo di ghiaccio.

Ho scoperto tutte le galassie, e c'è da dire che ne sono veramente tantissime, circa una trentina. Per ciascuna di quelle principali (altre sono considerabili come accessorie o bonus) ci sono varie stelle da recuperare, in numero che varia dai sei a sette a seconda dei casi. E pensare che all'inizio del gioco sembrerebbe che tre stelle per galassia sia il massimo.

Ho recuperato quindi tutte le stelle, che sono soltanto 120 (!!!), e ho sconfitto il vecchio Bowser per ben due volte (in qualche modo è necessario per completare appieno il gioco). Così ho finito il gioco. Del tutto.

Video finale, due ore di rompimento di coglioni con i titoli, poi altro intermezzo, poi finalmente ... una vocina che sbuca dal nulla:

"Super Luigi Galaxy!"

Dopo aver completato il nuovo episodio dell'idraulico più famoso al mondo si può rigiocare tutto da capo usando però il fratello sfigato: Luigi. In breve, una versione di Mario più magra, più alta, più veloce e più, più ... verde!

Il controllo sembra molto più difficile (Luigi infatti corre di più, e quando cerca di fermarsi slitta inesorabilmente) e anche i livelli sembrano avere una minima componente di difficoltà aggiuntiva. Sarà mica questa la vera sfida di Super Luigi Mario Galaxy?? 

2 thoughts on “Super Luigi Galaxy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *