Piccola vacanza ad Arezzo

Lo scorso fine settimana io e Rascal ci siamo regalati un bel pomeriggio di sano lavoro ad Arezzo. Siamo andati a trovare il nostro serverino (per intenderci, quello su cui girano queste pagine) essendo che era gia` da un po' di tempo che l'avevamo lasciato solo. Io, in particolare, non l'avevo ancora mai visto ...

Pomeriggio all'insegna delle maledizioni di Linux e di Debian in particolare. Il compito era tutto sommato semplice, aggiornare il kernel dalla 2.4.x alla 2.6.x, cosa che purtroppo Rascal e Mattia (il capoccia del gruppo, quello che in realta` si e` sbattuto di piu` per cercare di sistemare le cose; fatevi un giro sul sito di Blupixel) non erano riusciti a fare da remoto. Bene, nel kernel 2.6.x distribuito con la Debian esisteva un simpaticissimo bug che, unito all'hardware del nostro server Dell mandava a puttane il controller IDE/ATA della scheda madre, rendendo ad un certo punto irreperibile il lettore cd del computer. Quindi: niente installazione di Debian.

Soluzione: scaricare una release testing non ufficiale della Debian (naturalmente NetInstall) di un genio giapponese che aveva ricompilato il modulo del kernel per risolvere proprio quel problema. Problema del cd risolto. Si inizia con l'installazione, partizionamento dei dischi, montaggio del Raid software; abbiamo sbagliato mille volte, e mille volte si ripartiva daccapo. Finito con il settaggio dei dischi, installazione del sistema base. Guarda caso, Debian si pianta, piu` e piu` volte, in punti diversi. Bestemmie a non finire.

Soluzione: abbiamo scoperto che uno dei vecchi dischi era una attimino sputtanato, al che si compra un disco nuovo da quelli della Aruba (gentilissimi, cosa davvero piacevole) e si fa ripartire l'installazione. Problemi risolti. Si installa tutto. Cioe`, il sistema di base, intendo ... piu` Apache, PHP 5 (come ti adoro, finalmente Wikipirla tornera` a casa!). Niente piu`. In un pomeriggio di doveva formattare e reinstallare tutto il server, e invece a malapena l'abbiamo reso avviabile. Il resto del lavoro l'hanno fatto da remoto Rascal e Mattia, tra sabato e domenica.

Risultato: ora tutto funziona alla grande, come nemmeno noi avremmo sperato. E io conosco un po' piu` la citta` di Arezzo. Beh, quanto meno la stazione e la zona industriale. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *