Two is megl' che one

Ma io, preso da altri pensieri, stavo dimenticando che oggi è venerdì! Mica un giorno qualunque, è proprio venerdì. Puttana miseria! Mi tocca saltare Cesare ... e non posso neanche recuperare qui a Teramo, essendo che di amici praticamente non ne esistono più. E tantomeno esistono cioccolaterie/gelaterie di quel livello.

Solo si salva ancora Ileana, la quale ieri sera ha preferito sostituire una serata al cinema con una passerella per il centro alla visita di tutte le vetrine del corso, proponendo una cioccolata e quindi, essendo praticamente a dormire tutta la città già alle dieci di sera ed essendo impossibile trovare un locale aperto, colazione notturna con latte e Nesquik a casa sua. Tanto anche casa sua era chiusa, e quindi me ne sono tornato buono buono in camera mia a pensare a ben altre colazioni.

Oggi pomeriggio volevo studiare un po', ed eccomi ancora qua a perdere tempo su Internet, mentre ascolto l'ultimo singolo dei Manowar e sono reduce dalla rilettura praticamente completa del mio blog. Ora, perchè non dovrei ridere di me?

Il tepore di casa

Wow, qualcuno di voi lo sa già, ma voglio ribadirlo al mondo: sono tornato a casina!

È sempre un piacere tornare all'ovile, di tanto in tanto, specie quando si sta lontani per qualche buon mesetto. Poi arrivi e trovi la mamma che ti infarcisce di qualunque cosa, tua nipote che ti assale per il solo motivo di esistere e quindi ti converte in baby-sitter non stipendiato, il babbo che non c'è mai, quindi non lo trovi, etc etc

Entri in camera e scopri il lettone enorme ad una piazza e mezza, tutto per te, a meno che non entri Turbo in stanza e pretenda la sua fetta di materasso. Per chi non lo sapesse, Turbo è il mio gatto. Bello il nome vero? Gliel'ho dato io tempo addietro ...

E poi non si sa perchè, ma a casa fa sempre caldo, non si sta mai male, qualunque cosa si faccia. È il nostro angolo di paradiso. Bella casina, con i tuoi profumi e i tuoi colori!

L'unica cosa che mi manca è la vicinanza delle persone che conosco, che per la maggiorparte sono tutte a Pavia, carenza alla quale si verrà incontro quando deciderò di tornare al nord, quindi fra meno di una settimana ... È proprio vero che non si può avere tutto dalla vita, la moglie piena e la botte ubriaca.

O era forse il contrario?

11.11.11.11

Mi sono reso conto che è un casino di tempo che non scrivo più su questo blog. Ancora una volta sto perdendo contatto con il mio sito. Ma non vi preoccupate, cercherò di porvi rimedio ...

Nel frattempo non è che abbia perso tempo a fare un cazzo, anzi! Il buon vecchio Rascal mi ha dato dell'ottima droga, ovvero un suo nuovo libriccino su Ruby on Rails, una fantastica infrastruttura per lo sviluppo rapido e conciso di applicazioni Web, basata sul linguaggio Ruby. Per chi ha voglia di vedere cosa sta succedendo, fatevi un giro sul sito scritto in RoR. Spero di riuscire in breve a finirlo, e di metterlo online quanto prima. Veramente, è troppo una figata ...

Ieri sera in camera mia, come di consueto, si è tenuta la festa di S. Martino, ormai sotto il patrocinio definitivo di Serginho, farcita di pittule, di salatini vari, di vino a fiumi, di uomini e di donne. Casino fino all'una di notte inoltrata, ho bevuto in cinque minuti quattro bicchieri di vino, e, siccome lo reggo già poco, vi lascio immaginare come mi sono ridotto.

In fondo mi sono divertito abbastanza, anche se preso da alcuni casini che mi stanno mandando in pappa il cervello, non è che fossi al massimo della forma. Spero si risolva tutto a breve. Una cosa però mi è chiara ormai della mia vita: se ci sono delle prove in itinere in ballo (o degli esami), beh quello è il momento migliore per incasinarmi l'anima. E sono ormai 5 anni che va avanti così. Vabbè ...

Cmq, spero come già detto di farmi risentire a breve sulle paginine riscritte in Rails. Sperando di riuscire a combinare qualcosa nei giorni che verranno, e sperando di studiare un po' anche per la tesi. Sapete, la tesi? Eh? Ecco ... uff.