Master of Puppets

Il 17 giugno e` passato. E con esso sono passati anche i Metallica.

Beh, sono stato a Imola, all'Heineken Jammin' Festival, ad ascoltare del sano ottimo Metal. Un fine settimana abbastanza devastante, in quanto sono stato a casa di Fabio in quel di Mantova, e siamo tornati a casa per due mattine di seguito alle 6. Vi lascio immaginare la quantita` di sonno che ho ereditato da questo fine settimana ...
Ma a parte questi piccoli particolari, dicevo, ho visto e soprattutto ascoltato i Metallica. Cazzo, essere ad un concerto e` davvero tutta un'altra cosa, specie quando oltre a te affollano la platea altre 180.000 persone (insomma, decina piu` decina meno). Sentire la batteria che ti entra nell'anima tanta e` la sua potenza, vedere come le dita di chitarristi attivi da una vita volino sulle corde senza nemmeno sfiorarle, producendo quelle melodie di cui molti di noi sono amanti. Un concerto lungo una vita, piu` di due ore e mezza ininterrotte, con la ripubblicazione da parte della band americana di tutto il cd Master of Puppets, in occasione dei 20 anni dalla sua prima uscita.
Ma vi rendete conto di cosa significhi ascoltare dal vivo Master of Puppets, oppure Orion (mio dio, li` ero in estasi completa), oppure Fuel, oppure Nothing Else Matters (li` erano in estasi credo tutti), oppure -in conclusione- Seek & Destroy? Oppure tutte le altre canzoni mito del gruppo (peccato pero`  per la mancanza di Fade to Black ...)

Il Metal e` pur sempre il Metal, insomma, l'anima della mia vita (quella da fottuto metallaro zozzo schifoso, insomma) ... e dopo questo concerto, iniziamo a palpitare per quello di dicembre.
Gli Iron Maiden!

Up the Irons!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *